Veronacovid.it

Dati chiari sul Coronavirus per Verona e provincia

Statistiche Grafici Informazioni utili


Statistiche

Quando vengono aggiornati i dati?
I dati vengono aggiornati in concomitanza con la pubblicazione dei bollettini regionali (vaccini e contagi) quindi l'orario di aggiornamento può variare e avviene in modo asincrono. Di solito i dati vengono aggiornati tra le 17:00 e le 20:00
Vaccini

💉

Loading...
Contagi

🦠

Loading...
Loading...

* Dati relativi a Verona e provincia
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi alla Regione Veneto
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi alla Regione Veneto
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi alla Regione Veneto
Guarda il grafico

Persone infettate in media da un positivo

Loading...

* Dati relativi a Verona e provincia
* Metodo approssimato di Kohlberg-Neyman
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi alla Regione Veneto
* Su questo dato influisce il numero di tamponi
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi alla Regione Veneto
* Su questo dato influisce il numero di tamponi
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi a Verona e provincia
* Su questo dato influisce il numero di tamponi
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi a Verona e provincia
* Su questo dato influisce il numero di tamponi
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi a Verona e provincia
Loading...

* Dati relativi a Verona e provincia
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi a Verona e provincia
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi a Verona e provincia
* Su questo dato influisce il numero di tamponi
Guarda il grafico
Loading...

* Dati relativi a Verona e provincia
Guarda il grafico




Grafici

Vaccinati in Veneto (ciclo completo)

Loading...
In questo grafico viene riportato il numero totale di soggetti che hanno completato il ciclo di vaccinazione previsto, comprese quindi anche le seconde dosi. Si includono tutti i tipi di vaccino anti-COVID-19.

Esempio: il giorno 23 gennaio 2021, il numero totale di persone che hanno completato il ciclo di vaccinazione è pari a 18625 unità.

Percentuale di vaccinati (ciclo completo) in Veneto

Loading...
In questo grafico viene riportato il numero di soggetti che hanno completato il ciclo di vaccinazione previsto in percentuale rispetto alla popolazione.

Esempio: il giorno 23 gennaio 2021, lo 0.17% dei Veneti ha completato il ciclo di vaccinazione previsto.

Dosi di vaccino somministrate a Verona

Dati relativi a Verona e provincia

Loading...
Il grafico, similmente a quello della regione, mostra il numero di dosi di vaccino somministrate in funzione del tempo dall’inizio della campagna vaccinale.

Esempio: al giorno 4 gennaio 2021, a Verona, sono state somministrate in totale 2789 dosi di vaccino (a partire dal 27 dicembre 2020, data di inizio della campagna vaccinale).

Questo dato è ottenuto a partire dai bollettini rilasciati giornalmente dalla regione. Si sommano infatti, i contributi dell’ULSS 9 scaligera e della Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona.

Tali bollettini sono facilmente reperibili a questo link

Dosi di vaccino somministrate in Veneto

Dati relativi alla Regione Veneto

Loading...
Il grafico mostra il numero di dosi di vaccino somministrate in funzione del tempo dall’inizio della campagna vaccinale.

Esempio: al giorno 4 gennaio 2021, in Veneto, sono state somministrate in totale 21433 dosi di vaccino (a partire dal 27 dicembre 2020, data di inizio della campagna vaccinale)

Ricordiamo che per tutti i vaccini in fase di autorizzazione che verranno acquistati in Italia sono necessarie due dosi, a distanza di qualche settimana, al fine di risultare immunizzati.

Ulteriori informazioni si possono trovare su: https://info.vaccinicovid.gov.it/

Dosi somministrate giornalmente Verona e Veneto

Loading...
Questo istogramma riporta il numero di dosi somministrate giornalmente a Verona (e provincia) e in Veneto.

Esempio: in data 4 gennaio 2021 sono state somministrate 5664 dosi in Veneto e 1113 a Verona.

Calcolo di R con il metodo approssimato di Kohlberg-Neyman

Dati relativi alla provincia di Verona

Una persona positiva quante persone infetta?

Questo dato R indica quante persone vengono infettate in media da un positivo al Covid-19.

Loading...
Proponiamo in questo grafico una stima del calcolo del tasso di riproduzione di base R(t) utilizzando il metodo di Kohlberg-Neyman per il territorio di Verona e provincia.

È importante sottolineare che tale metodo di calcolo è approssimato rispetto al caso reale, i valori qui proposti non vanno quindi confrontati o sostituiti con quelli proposti da enti nazionali, che settimanalmente forniscono i valori di R(t) per ogni regione. Questa stima vuol fornire solo un’idea intuitiva dell’andamento giornaliero di questa grandezza per il nostro territorio.

R corrisponde al numero di "nuove infezioni", dette infezioni secondarie, causate in media da ogni soggetto positivo (risponde quindi alla domanda “quante persone contagia, in media, un soggetto positivo?”). Ci fornisce una descrizione qualitativa su quanto sia infettivo in virus nel contesto in cui ci troviamo. Sarà influenzato sia dalla natura del virus sia dal comportamento dei cittadini.

È chiaro che se R>1, allora con il tempo il numero di pazienti trovati positivi aumenterà (ogni positivo contagerà più di una persona, quindi l’epidemia sarà in espansione) mentre, se R<1, il numero di nuovi positivi diminuirà fino ad annullarsi; nel caso invece in cui R=1, il numero di nuovi casi si manterrà costante.

Ulteriori informazioni sulla natura di R(t), sulle formule utilizzate e sulla lettura dei dati sono disponibili qui

Rapporto positivi-tamponi

Andamento percentuale del rapporto positivi-tamponi in Veneto
* Su questo dato influisce il numero di tamponi

Loading...
Il rapporto positivi-tamponi è il rapporto tra le persone trovate positive in un giorno e il numero di tamponi (ed eventualmente di test rapidi) effettuati in quel determinato giorno.

Sarà chiaramente un numero compreso tra 0 e 1. Se consideriamo i due casi estremi, sarà 0 quando nessuna delle persone sottoposte al tampone risulta positiva e 1 quando tutte le persone sottoposte al tampone risultano positive. Per facilità di lettura, rappresentiamo tale valore in percentuale.

Esempio: evidenziando il punto corrispondente al 7 ottobre si vede che in tal giorno il rapporto positivi tamponi era 0.025, pari quindi al 2.5%.

Il fatto che in una certa area il rapporto positivi tamponi sia crescente può dipendere da due fattori:

1: il numero di tamponi effettuati diminuisce (quindi osservando la formula diminuisce il denominatore)

2: il numero di persone che risultano positive al tampone aumenta.

Nel caso del Veneto possiamo, a meno di qualche eccezione, approssimare il numero di totale di test effettuati costante. Di conseguenza la crescita del rate positivi tamponi nel tempo significa che il numero di positivi sta aumentando e che quindi il virus si sta maggiormente diffondendo.

Cosa si intende con “qualche eccezione”? Si intendono tutti i giorni in cui, a causa di weekend o festività, il numero di tamponi e test rapidi è ridotto rispetto alla media. In tali eventi questa grandezza può diminuire anche del 40%. Questa riduzione si manifesta sul grafico con delle percentuali elevate in modo anomalo rispetto all’andamento del periodo. È bene quindi non tenere in considerazione questi punti quando si valuta l’andamento della curva, dato che la loro causa non è la diffusione del virus in quella misura, ma soprattutto il basso numero di tamponi. Per facilitare questa operazione abbiamo aggiunto una linea di tendenza.

A partire dal 15 gennaio 2021, la protezione civile rilascia nel bollettino ufficiale anche il numero di test antigenici rapidi effettuati. Riporteremo quindi nel grafico due curve: la prima (in giallo) mostra il rapporto positivi tamponi senza tenere conto dei test rapidi (contando quindi solo i tamponi molecolari), la seconda (in rosso) riporta la stessa grandezza tenendo conto anche dei test rapidi effettuati.

Questo secondo valore è giudicato più attendibile del primo, in quanto, contando anche i tamponi rapidi, si ha una più attendibile stima del numero di test effettuati in Veneto.

Contagiati totali

Dati relativi alla provincia di Verona
* Su questo dato influisce il numero di tamponi

Loading...
La curva dei contagiati totali riporta il numero totale di persone che hanno contratto il virus in funzione del tempo. A questa curva contribuiscono quindi: le persone attualmente positive, le persone guarite e i deceduti.

Esempio: evidenziando il punto corrispondente al 7 ottobre si vede che a quel giorno il totale di persone che avevano contratto il virus (tenendo conto quindi anche dei soggetti guariti e deceduti) dall’inizio dell’epidemia era 6829.

Quando la malattia non si sta diffondendo (quindi quando non ci sono nuovi contagi) la curva ha un andamento costante. Infatti, dato che con il passare del tempo non si aggiungono nuove persone infette, il numero di soggetti che hanno contratto il virus resta invariato. Nelle fasi di accelerazione dell’epidemia avremo un andamento con concavità rivolta verso l’alto, mentre nelle fasi di decelerazione la concavità sarà rivolta verso il basso.

Variazione Giornaliera

Variazione dei contagiati totali rispetto al giorno precedente
* Su questo dato influisce il numero di tamponi

Loading...
Questa curva rappresenta di quanto sono aumentati i positivi totali rispetto al giorno precedente (tecnicamente corrisponde alla derivata fatta rispetto al tempo della curva dei contagiati totali).

Esempio: il 7 ottobre è stata registrata una variazione giornaliera di 82 unità, significa che i contagiati totali (comprensivi quindi di attualmente positivi, deceduti e guariti) sono aumentati di 82 unità rispetto al 6 ottobre.

Nei momenti in cui l’epidemia sarà in fase di accelerazione, tale curva sarà crescente. Infatti ogni giorno si registreranno più nuovi positivi di quanti se ne siano registrati il giorno precedente. Al contrario, in fase di decelerazione dell’epidemia, sarà decrescente.

È importante ricordare che questo tipo di dato risente fortemente del numero di tamponi effettuati in un giorno e da altri fattori non prevedibili, consigliamo quindi di considerare soprattutto l’andamento di tale curva, senza soffermarsi su valori dei singoli giorni. Per facilitare ciò abbiamo aggiunto una linea di tendenza (in rosa).

Attualmente positivi

Soggetti attualmente positivi in provincia di Verona
* Su questo dato influisce il numero di tamponi

Loading...
La curva degli attualmente positivi rappresenta il numero di persone positive al virus in funzione del tempo, quindi ogni punto corrisponde al numero di persone positive e non ancora guarite o decedute in un determinato giorno.

Esempio: evidenziando il punto corrispondente al 7 ottobre si vede che quel giorno le persone positive erano 810.

Tale curva avrà un andamento crescente finché l’epidemia sarà in fase di accelerazione (quindi il numero di persone positive crescerà nel tempo) e un andamento decrescente nella fase di decelerazione dell’epidemia (quindi il numero di persone positive diminuirà nel tempo).

Attualmente positivi: confronto tra province

Attualmente positivi nelle province
* Su questo dato influisce il numero di tamponi

Loading...
Riportiamo in questo istogramma il valore degli attualmente positivi per tutte le province del veneto. Ad ogni colonna corrisponde una provincia. Anche in questo caso i dati sono presi dai bollettini regionali emessi dall’azienda zero.

Contagiati ogni 1000 persone: confronto tra province

Contagiati ogni 1000 abitanti nelle province
* Su questo dato influisce il numero di tamponi

Loading...
Per una più chiara comprensione della distribuzione dei contagi riportiamo in questo secondo istogramma la stessa grandezza del precedente, espressa però in contagiati ogni 1000 persone.

Questo secondo valore è molto importante, infatti, avendo le province venete un numero di abitanti molto diverso tra loro, è normale che le più popolose (Verona, Padova, ecc.) abbiano un numero di positivi superiore rispetto alle meno popolose (Belluno, Rovigo). Calcolando il numero di contagiati ogni 1000 persone otteniamo un risultato “pesato” sulla popolazione residente.

Esempio: supponiamo che la città A abbia 1000 abitanti e 100 positivi e la città B 3000 abitanti e 150 positivi. Nonostante il numero di positivi sia maggiore nella città B, il numero di positivi ogni 1000 abitanti è maggiore nella città A (100 nella prima e 50 nella seconda). Possiamo quindi concludere che è presente una maggiore diffusione di soggetti positivi nella città A, anche se i dati iniziali ad una prima occhiata ci avrebbero suggerito il contrario.

Conoscere quindi questo tipo di valore per le varie province può aiutare a comprendere in modo più preciso la diffusione dei soggetti positivi tenendo anche conto della diversità tra esse.

Ricoverati

Ricoverati in area non critica in provincia di Verona

Loading...
Valori assoluti: Questo grafico rappresenta il numero di persone ricoverate in ospedale in area non critica in funzione del tempo.

Esempio: il 7 ottobre erano presenti 34 pazienti in area non critica suddivisi tra i vari ospedali di Verona e provincia.

Ricoverati percentuali

Percentuale dei ricoverati in area non critica rispetto agli attualmente positivi

Loading...
Valori percentuali: questo grafico mostra la percentuale di persone positive al virus che necessitano di ospedalizzazione in area non critica.

Esempio: il 7 ottobre il 4.20% dei positivi era ricoverato in area non critica.

Terapia intensiva

Ricoverati in terapia intensiva in provincia di Verona

Loading...
Valori assoluti: questo grafico rappresenta il numero di persone ricoverate in ospedale in terapia intensiva in funzione del tempo.

Esempio: il 7 ottobre il numero di pazienti in terapia intensiva era pari a 3.

Tale curva ci aiuta anche a capire quanto sia la pressione sul sistema sanitario, dato molto importante a causa del fatto che i posti letto (soprattutto in area critica) sono limitati.

Terapie intensive percentuali

Percentuale dei ricoverati terapia intensiva rispetto agli attualmente positivi

Loading...
Valori percentuali: tale grafico mostra la percentuale di persone positive al virus che sono ricoverate in area critica.

Esempio: il 7 ottobre il 4.20% dei positivi era ricoverato in area non critica e lo 0.37% in terapia intensiva.

Questo andamento ci dà un indizio qualitativo su come vari nel tempo l’“aggressività” della malattia o, vedendola da un altro punto di vista, la vulnerabilità dei soggetti positivi.

È quindi possibile ipotizzare che questa grandezza abbia un valore pressoché costante nel tempo. In caso tuttavia di variazioni elevate del valore degli attualmente positivi nel tempo, evento possibile, soprattutto nelle fasi di diminuzione di questi ultimi, è possibile che il valore delle ospedalizzazioni percentuali restituisca un valore diverso da quello “reale”. Questo è dovuto al fatto che la variazione dei ricoveri si distribuisce solitamente su scale temporali diverse da quella degli attualmente positivi; in generale infatti variazioni significative su ricoveri e decessi si verificano in intervalli temporali successivi a quelli degli attualmente positivi.

In casi come questo, è quindi necessario attendere che la curva dei positivi e delle ospedalizzazioni si stabilizzino, prima che possa essere restituito dalla curva un valore tendenzialmente reale.

Negativizzati virologici

Numero di soggetti negativizzati dall'inizio della pandemia in provincia di Verona
* Su questo dato influisce il numero di tamponi

Loading...
La curva rappresenta il numero totale di soggetti guariti in funzione del tempo. La definizione di paziente guarito presente sul sito del ministero della salute stabilisce che “il paziente guarito è colui il quale risolve i sintomi dell’infezione da Covid-19 e che risulta negativo in due test consecutivi, effettuati a distanza di 24 ore uno dall’altro, per la ricerca di SARS-CoV-2."

Ulteriori informazioni qui

Decessi

Numero di decessi dall'inizio della pandemia in provincia di Verona

Loading...
Il grafico mostra il valore cumulativo dei deceduti sia in ospedale che in ambito extra ospedaliero in funzione del tempo.

Per definire un decesso come dovuto a COVID-19, in accordo con quanto riportato dall’ISS, devono essere presenti i seguenti criteri:

· "Decesso occorso in un paziente definibile come caso confermato microbiologicamente (tampone molecolare) di COVID-19

· Presenza di un quadro clinico e strumentale suggestivo di COVID-19

· Assenza di una chiara causa di morte diversa dal COVID-19

· Assenza di periodo di recupero clinico completo tra la malattia e il decesso.""

Ulteriori informazioni si possono trovare sul rapporto dedicato al tema, accessibile a questi link:

ISS: Come si calcola la mortalità associata al Covid-19:

Qui

COVID-19: rapporto ad interim su definizione, certificazione e classificazione delle cause di morte: Qui


Chi siamo

Siamo Kevin Agyeman, 25 anni, studente di Informatica, presso l’Università degli studi di Verona e Michele Galvani, 23 anni, studente di Fisica, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Abbiamo creato questo sito web per aiutare la comunità e tenere informate le persone che non sempre possono seguire le notizie dei giornali locali e per fornire una visione d'insieme riguardo tutti i fattori che caratterizzano questa pandemia.

Dicono di noi

Informazioni utili

Ultimo DPCM

Informazioni aggiornate sul DPCM in vigore per il Coronavirus.

Leggi il DPCM
Proteggersi dal Coronavirus

Informazioni di prevenzione e trattamento sul Coronavirus.

Leggi le informazioni
Ordinanze regione Veneto

Informazioni sulle ordinanze per la Regione Veneto.

Leggi le informazioni
Risposte alle domande

Faq sulle misure adottate dal governo in questo periodo.

Leggi le informazioni


Contatti

veronacovid@gmail.com


Fonti

https://www.larena.it/
https://github.com/pcm-dpc/COVID-19/tree/master/dati-regioni
https://info.vaccinicovid.gov.it/